LA TRACCIA

La storia de La Traccia è singolare fin dall’incipit. Molto attivi ed apprezzati negli anni ’70 sulla scena ravennate, soffrirono il cambiamento del contesto musicale e culturale tipico del decennio successivo. Ritennero che l’attenzione prestata alla loro proposta stesse diventando inadeguata subendo un calo di appeal in parte forse anche interno alla formazione stessa. Date le premesse di impegno della loro produzione, non poterono di certo accettare questa condizione e si presero una pausa. Solo che questa pausa durò trent’anni.
In una rigida serata romagnola del 2014 Fabio e Claudio (Fiorini e Battaglione, rispettivamente chitarrista e cantante della formazione originale) hanno uno scambio di battute in un “luogo” che ai tempi della band neppure esisteva: Facebook! E si confessano la loro nostalgia per i giorni andati. Fare una prova non costa niente. Rendersi conto che il sound è ancora quello degli anni d’oro non ha prezzo. Scrivere nuove pagine de La Traccia diventa semplice. La pausa è finita, la band è tornata.

Tornare a suonare e produrre testi e musiche presi in prestito dalla propria giovinezza, ma rinforzati da un percorso di carriere individuali trentennali, è una sensazione talmente potente che occorre subito cristallizzarla in un disco. Alta Marea (sempre nel 2014) chiude i conti col passato e riporta La Traccia alla giusta ribalta regionale e nazionale. Dopodiché è il momento di alzare il tiro.
Fabio Fiorini, Claudio Battaglione, Gigi Casadio e Samuele Stefanelli lanciano sul mercato Apri la mano, nuovo album di 9 inediti prodotto da Red Production, registrato e mixato presso Le Dune Recording di Loris Ceroni (De Leo, Renga e Oxa, tra i tantissimi altri). Il singolo anticipatore (la titletrack) esce nel settembre del 2016 (accompagnato da un videoclip realizzato con 3pix Studio) e rivela una formazione ancora nel pieno delle sue forze poetiche e musicali.

L’impegno la sensibilità sociale, l’esperienza e la maturità fanno de La Traccia un oggetto raro sulla scena italiana. Laddove in molti inseguono un sogno ipertrofico ed arido di vanità e celebrità, La Traccia costruisce un discorso solido e strutturato, senza mollare di un centimetro la propria mission. Rispondendo alle rinnovate sfide di sonorità moderne ed accattivanti, mantengono intatta la loro identità e si rivolgono ad una platea di nuovo interessata a seguirli nei loro percorsi con il preciso desiderio di saper parlare ai giovani, eterni interlocutori del “sogno” e, in ultima analisi, del rock. Sono solo canzonette, ma…quanto cuore vi batte dentro.

La Traccia è impegnata in uno Showcase Tour di 8 tappe: segui il sito web ufficiale e i profili social per rimanere sempre aggiornato!

Condividi:Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrPin on PinterestEmail this to someonePrint this page