ETHEL ONNIS

Ethel Onnis è una musicista e soprano, specializzata in musica antica e barocca in seguito al conseguimento del Diploma di Laurea in Conservatorio e della Scuola di Alto Perfezionamento di Saluzzo in Piemonte.

La cantante è fondatrice di The Book of Kells, un ensamble in cui lo studio filologico del repertorio celtico e delle antiche melodie e ballate della tradizione Irlandese e Scozzese, accompagnate dalla voce limpida e cristallina della cantante, nonché dalle percussioni e dagli strumenti elettivi, hanno ricreato un affresco emotivo di grande impatto.

Nel 2013 nasce lo spettacolo Suggestioni Celtiche che partecipa a numerosi eventi istituzionali e a festival.

Nel 2014 l’ensemble che vede la collaborazione di vari artisti, partecipa a numerosi progetti e realizza il suo primo album Wolves Story con la casa di produzione Double Dominant, presente sui maggiori digital store. Nell’album sono presenti nove brani eseguiti con la pianista Michela Varda, il flautista Marco Allora ed un arrangiamento orchestrale piacevole ed evocativo. La formazione ha partecipato a numerosi concerti riscuotendo apprezzamenti da critica musicale e pubblico. Tra le partecipazioni più significative ricordiamo il Festival Sinapsi e l’evento in collaborazione con Piemonte Cultura Officine Folk.

Nel 2017 sono usciti, sempre come Double Dominant, il singolo Nocturne, cover dei Secret Garden, unitamente all’album Il Concerto delle Dame, contenente musiche del 1600 con trio barocco.

Ethel ha iniziato la sua prima collaborazione con Lotus Music Production con un video realizzato da Wild Emotion su brano prodotto da Double Dominant Production Studio, la celebre cover The Skye Boat Song.

Nell’aprile del 2019, esce con il suo primo singolo inedito, Nebbia, scritto da Piermatteo Carattoni ed arrangiato da Double Dominant per Lotus Music Production.

Clicca qui per una biografia approfondita dell’Artista.

 

Condividi:Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrPin on PinterestEmail this to someonePrint this page